Bruxismo ovvero il digrignamento dei denti

Il bruxismo è un fenomeno più marcato durante il sonno ed è causato dalla contrazione dei muscoli implicati nella masticazione.
Il bruxismo consiste in uno sfregamento associato ad un serramento, involontario e violento, dei denti delle due arcate (inferiore e superiore).
Questo fenomeno, talvolta, può essere rumoroso e fastidioso, non tanto per chi lo esegue, ma per chi gli sta vicino.

Segni e sintomi
Sebbene il soggetto affetto da bruxismo non si renda conto del digrignamento dei denti, al risveglio potrebbe lamentare una fastidiosa sensazione di dolore a livello della mandibola. Il fenomeno, se non rumoroso, potrebbe passare del tutto inosservato; in tal caso sarà il dentista a farlo presente, poiché in presenza di bruxismo i denti subiscono una progressiva usura, che appare come una limatura a livello dello smalto: il consumo dei denti è causato dal continuo sfregamento degli stessi, che facilita l’insorgenza delle carie, poiché lo smalto è continuamente soggetto a sollecitazione. Nei casi di bruxismo più grave, il paziente potrebbe subire anche un danneggiamento dell’osso alveolare ed un possibile “scollamento” delle gengive;

Cause
È stata comprovata una certa predisposizione familiare per la tendenza a digrignare i denti e sono stati riscontrati casi ripetuti di bruxismo nella stessa famiglia. Si è inoltre registrata una certa tendenza a manifestare il fenomeno in età adulta quando il bruxismo è già presente durante l’infanzia.
Tra i fattori che promuovono il disturbo emergono anche malformazioni della mandibola, mal occlusioni a livello dei denti, stress associato ad aggressività ed alterazioni dello stato psico-patologico in genere.

Rimedi contro il bruxismo
Purtroppo, non esistono trattamenti mirati e specifici per risolvere il problema, ma è consigliato l’utilizzo dei bite allo scopo di proteggere i denti dall’erosione determinata dal bruxismo.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *