Il mio dentista fa lo sbiancamento laser?

Fino a pochi anni fa per sbiancare i denti si associavano lunghe sedute in studio e fastidiose applicazioni domiciliari notturne con una serie di effetti collaterali, uno su tutti la sensibilità.

Per il paziente che desidera risultati immediati lo studio dentistico dott. C. Dutto propone lo sbiancamento, ma solo dopo aver effettuato un attenta anamnesi, un analisi della macro e micro tessitura dello smalto e aver scattato le foto del caso, per valutare la fattibilità dell’intervento.

Il dentista esegue un trattamento di sbiancamento laser in cui utilizza un gel di perossido di idrogeno esposto alla luce del laser che restituisce candore e splendore ai denti senza intaccare lo smalto sottoponendosi ad una o due sedute di circa 60 minuti. Il nuovo sistema Laser è un metodo assolutamente indolore, non presenta controindicazioni e può essere applicato a chiunque senza effetti collaterali ma soprattutto con dei risultati veramente soddisfacenti.

Con questo sistema il dentista può affrontare tutti i casi di alterazione del colore dei denti donando un bel sorriso con trattamenti innocui , semplici e duraturi nel tempo.

Sbiancamento laser dei denti: procedura

La seduta ha inizio con una protezione delle gengive con appositi materiali isolanti dopo di che si passa all’applicazione sui denti della sostanza sbiancante (totalmente atossica poiché composta da perossido di idrogeno) ed infine viene attivato il laser: quest’ultimo emette un fascio di luce che interagendo con la sostanza applicata sui denti innesca una reazione chimica che liberando ossigeno riesce a schiarire in maniera profonda il dente.

Il dentista ricorda che questa procedura è efficace solo su denti vivi o devitalizzati, non sulle protesi dentali.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *