“Succhiare il dito” perché e cosa comporta?

Il succhiarsi il pollice ad esempio, può rappresentare in alcuni contesti una manifestazione reattiva del bimbo a una paura. Una reazione così innocente, se protratta nel tempo, può comportare talvolta la comparsa di malformazioni anche dal punto di vista organico, come il palato ogivale o uno spostamento in avanti delle ossa mascellari e la conseguente malocclusione delle arcate dentarie.

È evidente che in tali casi anche il profilo facciale del bambino risulterà modificato, un particolare che nelle situazioni di più notevole portata può avere ripercussioni sullo status psicologico dell’infante.

Ciò sarà facilmente visibile perchè le labbra superiori non combaceranno con le labbra inferiori e le arcate dentarie saranno soggette al medesimo combaciamento anomalo. Da ciò derivano difficoltà nella masticazione e conseguentemente nella digestione. Il processo di masticazione infatti,
coinvolge 14 coppie di muscoli della muscolatura facciale, nonchè i denti molari e premolari.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *